Blog

                    Sneaker Blog
La storia del marchio New Balance. Come è iniziato?

La storia del marchio New Balance. Come è iniziato?

28/06/2020
Oggi le sneaker New Balance sono conosciute in tutto il mondo. Da un lato, godono dell'opinione di calzature sportive perfette, e dall'altro, un'aggiunta originale alle stilizzazioni casual, di cui le star di livello mondiale fanno un grande uso. Non tutti sanno che prima che i nuovi modelli dei new balance diventassero le scarpe preferite di Steve Jobs, dovevano semplicemente garantire il comfort agli operai della fabbrica. Quali altre curiosità sono associate alla creazione e all'evoluzione di questo marchio fenomenale? Scopri di più!

Cosa è nato prima

L'uovo o la gallina? Nella storia di New Balance, la risposta corretta a questa domanda è una sola: la gallina, ovviamente. Non si sa nulla dell'uovo, ma se non fosse le galline, il marchio potrebbe non essersi sviluppato affatto. E anche se lo facesse, oggi sarebbe sicuramente conosciuto con un nome diverso. Com'è possibile? "La leggenda" narra che William J. Riley, fondatore di New Balance, battezzò la sua azienda in questo modo e non altrimenti, ispirato al comportamento delle galline nel cortile. Osservò esattamente come gli uccelli incapaci di volare mantenevano l'equilibrio. Guardò le zampe di gallina e creò sulla loro forma le prime solette per scarpe, la cui idea era basata su tre punti di appoggio.

È così che è nato il concetto del "nuovo equilibrio". William J. Riley fondò la sua azienda a Boston nel 1906 e fabbricò le solette auto-brevettate, che semplificarono la vita degli operai. Sono stati costretti a trascorrere intere giornate in scarpe scomode, quindi le solette New Balance hanno cambiato notevolmente la loro realtà. Riley ha gestito questa attività per i prossimi... 30 anni!

È il tempo per qualcosa di nuovo

Il tempo per le prime scarpe New Balance arrivò solo nel 1938. Ma valeva la pena aspettare! Il modello che uscì dalla fabbrica del marchio di Boston si rivelò molto più che una semplice scarpa da lavoro. Erano scarpe da corsa professionali in pelle di canguro nera. I loro primi utenti erano i giocatori del club di Boston Brown Bag Harriers. Riley era convinto dell'affidabilità del modello da lui prodotto e quindi garantiva un rimborso a tutti i clienti insoddisfatti dell'acquisto. Nel corso dei successivi tre anni, la società iniziò a fornire calzature per giocatori di baseball, pugili e tennis. I progettisti del marchio hanno iniziato a lavorare sul miglioramento continuo delle tecnologie utilizzate per rendere la corsa ancora più semplice e confortevole.


Rivoluzione

William J. Riley potrebbe essere stato il fondatore del marchio e il creatore dell'idea principale, ma non è lui che New Balance deve la sua attuale posizione sul mercato. Il marchio è stato davvero notato solo dopo la morte del suo primo proprietario, cioè nel 1956. Le nuove autorità si sono concentrate sulla ricerca scientifica, che avrebbe rivoluzionato la corsa. Il primo frutto di questi sforzi fu il Trackster nel 1960. Era caratterizzato da leggerezza senza precedenti e ... numerazione doppia. Fu da lui che iniziò la regolazione delle scarpe non solo in termini di lunghezza ma anche di larghezza del piede.

Espansione

È stato Trackster ad attirare l'attenzione dell'uomo d'affari Jim Davis, che ha acquistato New Balance nel 1972 e ha iniziato la produzione di massa. Il suo primo successo è stato quando M320 ha vinto il titolo: "Le migliori scarpe da corsa" nella rivista Runner's World. Vale la pena notare che queste furono anche le prime scarpe di questo marchio, sulle quali apparve la caratteristica lettera N come logo del produttore di Boston.

Non c’è voluto molto, perché inizialmente i prezzi bassi delle calzature New Balance sono aumentati drasticamente. A proposito di montagne, l'alpinista Lou Whittaker nel 1982 scalò l'Everest in new balance H710, che fu una vera pubblicità per il marchio.

New Balance oggi

È difficile credere che il marchio di Boston sia stato popolare in Polonia solo di recente. All'inizio del secolo, aveva già un'ottima posizione sul mercato americano, e nel 2005 ha raggiunto il secondo posto negli Stati Uniti in termini di quantità di calzature vendute. Dietro il suo successo c'è, tra le altre cose, il fatto che, nonostante il trasferimento di massa della produzione in Estremo Oriente da parte di altre società, New Balance produce ancora una parte significativa della sua gamma di prodotti negli Stati Uniti. Attualmente è circa il 25 percento degli articoli che colpiscono il mercato statunitense. Sono ovviamente più costosi dei modelli realizzati in Cina o addirittura in Inghilterra.

Paradossalmente, la politica di New Balance di "Endorsed by Noone" ha garantito un'enorme popolarità. Consisteva nel fatto che per lungo tempo il marchio non ha usato nomi famosi per promuovere i suoi prodotti. Pertanto, i clienti li sceglievano esclusivamente per la loro qualità. E questo non significava che le celebrità non li indossassero! Steve Jobs, il fondatore di Apple, è stato uno dei fan più fedeli di new balance. Ha anche fatto riflettere i consumatori: personaggi famosi hanno scelto i modelli del marchio di Boston, anche se nessuno li ha pagati. Doveva significare qualcosa, vero? Alla fine, tuttavia, le autorità di New Balance hanno rinunciato all'idea di "Endorsed by Noone", decidendo di collaborare con le celebrità.

Ti ha interessato la storia di New Balance? Niente di insolito: molte delle esperienze del marchio lo testimoniano. Ecco perché oggi gode di tale riconoscimento in tutto il mondo. Se sogni anche di avere uno dei suoi modelli iconici nel tuo guardaroba, dai un'occhiata alla gamma SneakerStudio!
Selezionando l’opzione "Accetto" si consente a SneakerStudio di utilizzare i cookie, pixel, tag e tecnologie simili. Utilizziamo queste tecnologie per raccogliere informazioni sul tuo dispositivo e browser per monitorare la tua attività per scopi di marketing e funzionali, come la visualizzazione delle pubblicità personalizzate e il miglioramento del funzionamento del sito Web. SneakerStudio può condividere questi dati con terzi - compresi i partner pubblicitari sui social media, come Google, Facebook e Instagram - per scopi di marketing. Per ulteriori informazioni e per capire come utilizziamo i tuoi dati per gli scopi richiesti (ad es. garanzia di sicurezza, gestione della funzione del carrello e accesso), si prega di leggere la nostra Informativa sulla privacy (vedi la sezione Informazioni sui cookie).Regolamento del negozio online. È possibile determinare le condizioni di memorizzazione o accesso ai file cookie nel proprio browser web.
Accetto
pixel